Basilea

Cosa Troverai: 

Basilea è certamente una città che merita di essere visitata da chi ha intrapreso un interrail nell'Europa Centrale. Se non altro, per l'estrema cordialità degli abitanti, i quali godono in media di un livello di istruzione altissimo. Non è raro trovare persone che parlano correntemente tedesco, inglese e francese. Può accadere di essere fermati per strada da una gentile passante che, notando il nostro disorientamento mentre maneggiamo una cartina (per i nostalgici, c'è chi lo fa ancora), ci chiede dove siamo diretti e ci dà immediatamente indicazioni dettagliate in un inglese preciso e fluido. Quante città vantano la possibilità di attraversare un confine tra Paesi mentre si viaggia in tram? La città vanta una eccellenza industriale nel settore della chimica, ha ancora un circolo di nobili che richiama antichi modi di organizzare la vita sociale, ed è la città natìa del tennista Roger Federer, che ogni anno vi gioca il torneo ATP 500.

 

Basilea ha due stazioni: Basel SBB, situata poco a sud del Reno, e Basel Badischer Bahnhof, situata più a nord, quest'ultima è spesso raggiunta dagli stessi treni che fermano nella prima.

Data la posizione geografica, ci si aspetta un ottimo collegamento con mezza Europa centrale: così è, in effetti. I collegamenti con Francoforte sul Meno sono frequentissimi (meno di 3 ore), molti ICE sono poi diretti verso altre città come Berlino (meno di 8 ore). Se si vuole raggiungere la Francia, c'è il regionale che in 20 minuti porta a Mulhouse, da cui ripartire. In alternativa, c'è il più costoso TGV che in 3 ore conduce a Paris Gare de Lyon, nel cuore della città francese. L'Italia è raggiungibile con treni diretti per Milano (EC, circa 4 ore), tuttavia non sono frequenti, perciò si può optare per un cambio a Chiasso o a Bellinzona, per esempio.

La peculiarità, in questo caso, risiede nel fatto che la città è un HUB di treni notturni: per citarne alcuni, si può raggiungere Amsterdam in 11 ore, Berlino in 10, Copenaghen in 16. Voci di corridoio parlano di un vagone notturno che invece di andare a Copenaghen, devia verso Minsk e Mosca!

Svizzera

La Svizzera vanta una delle reti più capillari d’Europa: la maggior parte delle tratte sono coperte dalle Ferrovie Federali Svizzere (logo sui treni SBB CFF FFS, sigla nelle tre lingue ufficiali Schweizerische Bundesbahnen, Chemins de Fer Fédéraux e Ferrovie Federali Svizzere, sito www.sbb.ch). Esiste poi una miriade di piccole compagnie che gestiscono ferrovie super locali che spesso si inerpicano sulle montagne fino a migliaia di metri di quota. Alcune offrono il passaggio ai possessori di pass InterRail, altre solo uno sconto. Per la maggior parte dei treni nazionali delle SBB CFF FFS non è prevista prenotazione, ma sui treni delle compagnie minori le condizioni variano da caso a caso ed è quindi consigliabile documentarsi in anticipo anche perché le condizioni per i possessori di pass InterRail tendono a cambiare abbastanza frequentemente. Nell’elenco che segue i prezzi sono in CHF, tenendo presente che 1 CHF = circa € 0,80.

  • BLS, www.bls.ch , collegamenti compresi nel pass InterRail. Treni panoramici sulla rotta Berna - Lötschberg - Simplon. Il treno attraversa il famoso viadotto di Kander e la valle del Reno. Prenotazione non obbligatoria ma possibile presso qualsiasi stazione ferroviaria in Svizzera.
  • FART Ferrovie Autolinee Regionali Ticinesi, www.centovalli.ch , collegamenti inclusi nel pass InterRail. Si tratta della famosa Ferrovia delle Centovalli sulla tratta panoramica Locarno - Domodossola (Italia).
  • MOB Montreux Oberland Bernois, www.goldenpass.ch collegamenti inclusi nel pass InterRail, ma attenzione! Sul treno panoramico (Zurigo -) Lucerna - Brünigpass - Interlaken - Zweisimmen - Montreux (Ginevra) la prenotazione è obbligatoria, mentre il “Treno del Cioccolato” (sulla tratta Montreux – Broc-Chocolat) prevede un supplemento di CHF 56 per la seconda classe e CHF 49 per la prima classe).
  • RhB Rhätische Bahn AG (Ferrovia Retica), www.rhb.ch. Uno dei treni di montagna più rinomati al mondo. I collegamenti regionali sulla tratta Chur/Davos/St. Moritz – Bernina pass – Poschiavo – Tirano (comunemente noto come Bernina Express) è incluso nel pass InterRail, a patto di non scegliere una carrozza panoramica per la quale è prevista la prenotazione obbligatoria. L’altro treno è il Glacier Express, attivo sulla tratta Zermatt – Brig – Disentis – Chur – St.Moritz.
  • SOB Südostbahn, servizi inclusi nel pass InterRail, sito www.suedostbahn.ch. SOB opera gestisce i collegamenti Romanshorn – St. Gallen – Herisau – Wattwil – Nesslau e Rapperswil – Seedamm – Pfäffikon SZ – Biberbrugg – Arth-Goldau
  • Ferrovia Vigezzina (SSIF Società Subalpina di Imprese Ferroviarie, sito www.vigezzina.com), servizi inclusi nel pass InterRail, un altro treno panoramico sulla tratta Locarno – Domodossola.
  • Thurbo AG, è una rete regionale che opera nella regione orientale della Svizzera, inclusa nel pass InterRail. Il sito è www.thurbo.ch, servizi inclusi nel pass InterRail.
  • Voralpen-Express, sito www.voralpen-express.ch un altro interessante trenino che collega il Lago di Costanza al Lago di Lucerna, servizi inclusi nel pass InterRail.
  • ZB Zentralbahn AG, sito www.zentralbahn.ch , gestisce alcuni collegamenti nella Svizzera Centrale fra Lucerna, Engelberg, Brünig e Interlaken Ost, servizi inclusi nel pass InterRail.

Compagnie svizzere non incluse nel pass InterRail ma che offrono sconti (normalmente il 50%, ma si consiglia di verificare caso per caso):

  • AB Appenzeller Bahnen www.appenzellerbahnen.ch, gestisce alcuni collegamenti nel nord della Svizzera vicino al lago Bodensee: Altstätten – Gais; Gossau – Appenzell –  Wasserauen; St.Gallen – Appenzell; St.Gallen – Trogen; Rorschach – Heiden; Rheineck – Walzenhausen; Speicherschwendi – Teufen.
  • ASM Aare Seeland Mobil AG, sito www.asmobil.ch, gestisce autobus e treni nella regione di Bieler Seeland e Oberaargau. L'autobus Aare Seeland opera sulle tratte Biel – Pieterlen, Biel – Meinisberg, City bus Langenthal. La rete ferroviaria, per lo più trenini, copre le tratte: Biel – Ins, Langenthal – Niederbipp – Solothurn, e Langenthal –  St. Urban Brick  - CJ Chemins de Fer du Jura, sito www.les-cj.ch. Gestisce una rete di circa 80 km sulle montagne attorno a Freiberge e sulla tratta Porrentruy - Bonfol. Nei mesi di luglio, agosto e settembre su alcune tratte è operativo un treno a vapore ma occorre prenotare.
  • FB Forchbahn AG, sito www.forchbahn.ch, trenino sulla tratta Zurich Stadelhofen - Esslingen.GGB Gornergrat Bahn, ferrovia del Gornergrat, sito www.gornergratbahn.ch . Una delle ferrovie più alte del continente (seconda soltanto alla Jungfraubahn, non inclusa in alcuna promozione InterRail), raggiunge quota 3000 m con panorami mozzafiato sul ghiacciaio del Gornergrat e sul Cervino in un puro contesto alpino. Sul percorso Zermatt – Gornergrat è offerto ai possessori di pass InterRail del 25% (prezzo di sola andata CHF 41).
  • LEB Chemins de Fer Lausanne-Echallens-Bercher, www.leb.ch , treno sulla tratta Lausanne - Echallens - Bercher. - MBC Chemin de fer Bière-Apples-Morges, sito www.mbc.ch, trenino sulla tratta Bière - Apples - Morges
  • MGB Matterhorn - Gotthard Bahn, sito www.matterhorngotthardbahn.ch , copre il percorso St. Moritz –  Disentis – Brig – Zermatt, è possibile viaggiare gratis tra St. Moritz e Disentis, mentre tra Disentis e Zermatt otterrai uno sconto del 25%.
  • NstCM Chemin de Fer Nyon-St. Cergue-Morez, sito www.bustpn.ch, trenino sulla tratta Nyon – St. Cergue – Morez.
  • RA RegionAlps, sito www.regionalps.ch , un’altra piccola compagnia che gestisce una rete di autobus e treni nella Svizzera meridionale a cavallo fra Francia e Italia. I treni coprono le tratte fra Brig, St. Gingolph, Martigny e Orsières. Gli autobus il percorso Leukerbad – Visp.
  • RBS Regionalverkehr Bern- Solothurn, sito www.rbs.ch gestisce una rete ferroviaria regionale nell'area intorno a Berna.
  • SMtS Saint Imier - Mont Soleil, sito www.funimag.com, una funicolare da Saint Imier al Mont Soleil, nel cantone di Berna.
  • SthB Stanserhorn Bahn, sito www.stanserhorn.ch, la compagnia gestisce una funivia cabrio e un trenino funicolare, da Luzern (Lucerna) – Stanserhorn sconto del 50%.
  • SZU Sihltal, Sihltal Zürich Uetliberg Bahn, sito www.szu.ch. Collega Zurigo con Uetliberg e Sihltal.
  • TMR Transports de Martigny et sa Regions, sito www.tmrsa.ch . Un’altra linea di autobus e trenini in uno degli scenari più belli dell’arco Alpino: il San Bernardo e il Monte Bianco. Collegamenti panoramici in treno fra Martigny e Le Châble/Orsières e Martigny – Chamonix. In più molti altri collegamenti in autobus.
  • TPC Transports Public du Chablais SA , sito www.tpc.ch . Un’altra piccola compagnia della Svizzera francese che opera piccoli treni di montagna sulle tratte: Aigle – Leysin, Aigle – Ollon – Monthey – Champery, Eagle Sepey – Diablerets, Bex – Villars – Bretaye
  • TPF Transports Public Fribourgeois, sito www.tpf.ch . La compagnia locale intorno a friburgo, piccoli treni sulle tratte: Palézieux – Châtel-St. Denis – Bulle – Montbovo, Ins – Murten – Fribourg – Romont – Bulle e Bulle – Broc
  • TRAVYS SA, sito www.travys.ch , gestisce linee di autobus e treni nella regione dello Jura ed i trasporti pubblici locali di Yverdon e Orbe. Le tratte coperte dalla ferrovia sono: Le Brassus – Vallorbe, Orbe – Chavornay, Yverdon-les-Bains – St. Croix. In autobus si viaggia sui percorsi: Yverdon – stazione ferroviaria les-Bains – Dorp Chamblon, Yverdon – stazione ferroviaria les-Bains – Gare Vallorbe, Mauborget – Chez Jacques L'Auberson.
  • TRN Transports régionaux neuchâtelois, sito www.transn.ch . Rete di trasporti pubblici nella bellissima zona di Neuchâtel.
  • WB Waldenburgerbahn, sito www.waldenburgerbahn.ch . Serve la tratta Waldenburg - Liestal nella regione di Basilea.
  • WSB Wynental- und Suhrentalbahn, sito www.aar.ch, gestisce una rete di autobus e treni nell'area attorno ad Aarau.
  • Altri servizi: LAF Luftseilbahn Adliswil-Felsenegg, sito www.laf.ch, funivia di Felsenegg.

Sono presenti due Tourist Information Office: il primo si trova nella stazione di Basel SBB, aperto nei feriali dalle 8:30 alle 18:00, il sabato dalle 9:00 alle 17:00, la domenica e i festivi dalle 9:00 alle 15:00. Il secondo si trova presso il Stadt-Casino, in Barfusserplatz. Ha brochure sulla città e può aiutare nelle prenotazioni.

Lo si trova anche on line all'indirizzo http://www.basel.com/it/tourist-information , con informazioni dettagliate e l'immancabile app per smartphone.

L'EuroAirport, situato in Francia a Mulhouse, è ufficialmente un aeroporto condiviso dalle 3 Nazioni, dato che serve Basilea, Mulhouse e Friburgo. A parte Montreal, Reykjavik e le isole di Capo Verde, da Basilea non si raggiungono mete intercontinentali, insomma niente che ricordi l'hub aeroportuale di Francoforte sul Meno (anch'esso hub di treni notturni). Comunque ci sono collegamenti con tutta Europa tramite le maggiori compagnie come Air France, British Airways, Lufthansa. Anche compagnie low cost come Air Berlin e EasyJet sono in rapida espansione, ad esempio EasyJet collega Basilea con Fiumicino Aeroporto in meno di 2 ore. Per gli interrailer romani che vogliono evitare il salasso dell'avvicinamento al confine, possono optare ad esempio per questa combinazione biglietto interrail - aereo low cost, facendo partire da Basilea il proprio itinerario ferroviario.

Le piste ciclabili sono piuttosto estese e con segnaletica dedicata. Passa per Basilea il circuito di piste ciclabili che attraversa la Svizzera. Per maggiori informazioni: http://www.veloland.ch/

Bus elettrici, a gas e a combustibile liquido servono bene la città, ma risaltano in particolare i tram: numerosi, capillari, abbastanza silenziosi da essere pericolosi per pedoni distratti. Da ricordare che i tram hanno precedenza su tutto.

Basilea non è una città fredda: la temperatura non scende sensibilmente e stabilmente sotto lo 0 Celsius neanche d'inverno. Inoltre non è una città molto piovosa.

Per maggiori dettagli: www.basel.com/it/clima

Non nascondiamocelo, la Svizzera è molto costosa, la sensazione permane anche nei periodi in cui l'Euro si rafforza nei confronti del Franco Svizzero (CHF). Ciò chiaramente è perfettamente comprensibile e direttamente correlato allo stipendio medio di un cittadino svizzero.

Anche gli ostelli più economici e i negozi di alimentari faranno rimpiangere i corrispondenti norvegesi, già molto cari rispetto agli altri Paesi europei. Un panino in un bar vi viene a costare 5-10 euro, l'unica cosa che anche gli svizzeri non riescono proprio a farci pagare molto più che in Italia è la birra!

Un modo alternativo di vedere la questione è fermarsi per un periodo di tempo molto limitato, Basilea è graziosa e interessante, ma anche piccola e la si visita in poco tempo anche a piedi.

Siamo in Svizzera, in una grande città, evitiamo di dormire in stazione! Campeggio selvaggio: vietatissimo. Salendo nella graduatoria dei prezzi, ci sono gli amati ostelli ed i campeggi. Un campeggio vicino è il Waldhort, è situato a Reinach, a 8 km da Basilea e lo si può raggiungere col tram n. 11.

Gli ostelli: anche qui, nota dolente, sono molto costosi! L'ostello della gioventù (in St. Alban-Kirchrain, a pochi passi dal Reno, link qui http://www.youthhostel.ch/de/hostels/basel-st-alban) è certamente suggestivo, ma quando ci si sente chiedere 40 euro a notte per un letto in camerata, a molti può scendere una lacrimuccia. Bisogna dire che è tenuto benissimo, i bagni sono luccicanti. Vi serve la tessera internazionale degli ostelli, in alternativa la potete acquistare lì a prezzi altissimi. Dovendo rimanere solo una notte, si può acquistare quella giornaliera e demandare ad altri Paesi l'acquisto di quella annuale: la cosa paradossale è che conviene fare così, per un solo giorno!

Altri ostelli sono lo Youth Hostel Basel-City in Pfeffingerstrasse, il Basel Back Pack in Dornacherstrasse (qui http://baselbackpack.com/) e il YMCA locale in Gempenstrasse.

Nelle terre germanofone si mangia dappertutto, gli abitanti vogliono mantenere la loro notevole stazza fisica. A parte i luoghi classici di ristoro, centri commerciali inclusi, le stazioni dei treni sono sempre un ottimo punto dove cercare pasti a basso costo. La cucina orientale  è un ottimo modo per risparmiare (a patto che piaccia e la si consideri salutare): Mister Wong, ad esempio, lo si trova anche nei pressi della stazione SBB. Nella stessa, si può mangiare anche pizza e kebab a prezzi concorrenziali.

In alternativa, cibo locale come bratwurst e torte di vario tipo, si possono trovare in ogni angolo della città.

Per gli amanti dello spendere e vivere felici, i ristoranti di classe con vista sul Reno non mancano!

Non si viene certo a Basilea perché città d'arte. Non si viene neanche per la vita notturna, per quanto l'università garantisca sicuramente del movimento nei fine settimana. La vita attorno al Reno scorre tranquilla ed ordinata, per la maggior parte del tempo. Camper parcheggiati lungo le strade che vi corrono parallele anticipano gruppi di sedie adunate davanti ad una grigliata. Spesso sono italiani, spesso sono tedeschi, più di rado alcuni gruppi omogenei si incontrano e fanno serata insieme, nella promiscuità delle loro culture. Alcuni (molti durante l'estate, invero) nuotano lungo una delle rive del fiume (vietato attraversarlo): sono persone comuni, ma gran parte di loro sa che ci vuole un minimo di allenamento, che non bisogna sfidare le correnti, che bisogna rientrare su una delle tante banchine di uscita appena le forze scendono. Sono colorati: portano con sé dei sacchi arancioni in cui hanno riposto i loro vestiti, per tenerli all'asciutto durante l'attività rinfrescante.

 

Per chi è fedele al classico "vado, vedo, faccio la foto", si può ammirare l'architettura romanica e gotica della cattedrale: il Munster, in Munster Platz!

Anche il Rathaus, il municipio locale, in mattoni rossi, risulta caratteristico per chi non ha ancora visto i corrispondenti edifici nelle città tedesche.

Non c'è la grande area verde nel mezzo della città tipica di molte città tedesche, Basilea è piccola ed organizzata attorno al Reno, che resta comunque il polo attrattivo principale e più suggestivo. Tuttavia le aree verdi sono ben disseminate, seppur piccole ed in generale la città è altamente vivibile sotto il punto di vista dell'inquinamento da attività umane.

Una delle città che d'istinto comunicano (a ragione) una sensazione di sicurezza in ogni momento e luogo. Le famose regole di buon senso, sono più che altro consigliate per evitare eventuali borseggiatori.

Situata in un cuneo tra Francia e Germania, invita ad esplorare l'Europa che da lì si dischiude. Se la Germania è la vostra prossima tappa, non fatevi mancare Stoccarda, Francoforte e Colonia, magari fermandosi prima alle soglie della fascinosa Foresta Nera.

Per la Svizzera invece, Berna, Lucerna, Zurigo, Ginevra, Lugano sono tutte mete raggiungibili rapidamente.